Bangkok: esercito vs Camicie Rosse

In Thailandia la crisi politica continua ormai da cinque anni: la classe urbana appoggia il primo ministro Vejjajiva, mentre la classe meno abbiente sostiene che il primo ministro non sia stato eletto dal popolo, ma salito al potere grazie al voto del parlamento.
Mentre rilasciava un’intervista, uno dei leader delle camicie rosse ha rischiato la morte ma fortunatamente ora è solo gravemente ferito. Questo fatto ha contribuito al peggioramento della situazione già tesa e delicata.
Ora è scontro aperto tra i manifestanti anti governativi e i militari e il bilancio delle violenze secondo l’Ansa è di 125 feriti e 10 morti. Le proteste sono iniziate lo scorso 12 Marzo e da allora sono morte 34 persone e più di 1400 sono rimaste ferite. A causa degli scontri la situazione economica del paese è precipitata. Anche un giornalista canadese è stato ferito da diversi colpi da arma da fuoco come gli altri due reporter thailandesi che ora sono in condizioni stabili.
Ieri in mattinata l’esercito ha dichiarato di non avere pianificato le azioni repressive anche se dopo poche ore ha stretto un assedio nell’are interessata dalle manifestazioni. Da cinque settimane le camicie rosse hanno occupato una vasta area nel centro di Bangkok e hanno delimitato la zona con filo spinato per impedire all’esercito di attaccarle. Quest’ultimo ha minacciato i ribelli di chiudere gli accessi e di tagliare acqua e luce. Questo tentativo dovrebbe servire a far arrendere almeno qualche protestante.
Il governo Thailandese ha promesso di arrivare al più presto ad una trattativa ragionevole per entrambi le parti con i gruppi dell’ opposizione. Il ministro Frattini ha affermato che la situazione sta diventando insostenibile e che la trattativa è assolutamente urgente.
Frattini ha comunicato inoltre che l’ambasciata italiana resterà aperta e che invita alla cautela i cittadini che sitrovano in Thailandia e quelli che stanno per recarsi nel Paese. Diverse ambasciate sono state evacuate e diverse vetture sono state incendiate nei pressi dell’ambasciata americana.
 
Maggioni Angelica
Bresciani Marco

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: